Latet sol in sidere


Nelle Dimore Filosofali spesso, dalle prefazioni di Canseliet fino agli ultimi capitoli di Fulcanelli, testi liturgici cristianivengono citati per indicare al Cercatore una direzione, un segno, o per far scattare nella sua testa (meglio, nel suo Cuore) un’illuminazione improvvisa quanto preziosa.
Nel Capitolo su Louis d’Estissac, in una nota, appare quest’Inno, natalizio come molte altre analoghe citazioni:

Latet sol in sidere,
Oriens in vespere,
Artifex in opere;
Per gratiam
Redditur et traditur
Ad patriam.
Questa la traduzione visibile nell’edizione italiana (a fianco mi permetto, al solito, di farne una ‘letterale’):

Il sole è nascosto sotto la stella                            Il sole sta nascosto nella stella
L’Oriente nel tramonto,                                        L’Oriente nel tramonto
L’artigiano è nascosto nell’opera;                          L’Artefice nell’opera;
Con l’aiuto della sua grazia,                                  Mediante la grazia
È reso e riportato                                                E’ restituito e trasferito
Alla sua patria.                                                    Alla patria

Naturalmente, come per gli altri testi sacri, sono andato in cerca  di un suo possibile utilizzo musicale, e la prima sorpresa è stata trovare sì un inno (un’elaborazione in forma di carol in una raccolta inglese dell’800)
che contiene questi versi, ma che ha un titolo ben più significativo:

… non è sorprendente? PATREM PARIT FILIA, la Figlia ha partorito il Padre, è sempre la nostra Vergine che,Verbum instar seminis, è fecondata dallo Spirito Santo. Il testo è tutto molto suggestivo, ed alcune considerazioni in proposito sarebbero gradite…
Noldor
Annunci

5 pensieri su “Latet sol in sidere

  1. Caro Nold,proprio un testo interessante!!!!sarebbe altrettanto interessante, magari, postare anche il resto del testo che compare nello spartito. E perchè no, magari sentirlo anche!!!!Ovviamente anche con un pochino di traduzione!!!Tonneau Rouge

    Mi piace

  2. Caro Signor NOLDOR,lei certo sa chi era Pierre de Corbeil, Arcivescovo di Sens. Fu lui a scrivere, attorno al 1200, l'Uffico 'Circumcisio Domini', che stabilì la Festa dell'Asino o Fete-des-Foux nella Diocesi di Sens, di cui parla Fulcanelli nel MdC, in cui un asino veniva condotto all'altar maggiore in mezzo ad una cerimonia molto poco canonica. Ma fu sempre lui che prese parte alla crociata contro gli eretici Albigesi. Un uomo di enorme cultura (Tritemio si spese in lodi sperticate su di lui) e dal carattere pepato; recatosi a Roma per richiedere l'elevazione all'ArciVescovato, dal suo 'discepolo' Lotario di Segni, Papa Innocenzo III, il Pontefice gli ricordò "Ego te episcopavi…"; e lui, di rimando: "Ego te papavi!". Un uomo che istituì un Ufficio Canonico dal testo un tantinello eretico, ma che combattè con le armi l'eresia. Un controsenso, o davvero Fulcanelli aveva ragione quando lo indica come un 'Iniziato'?…Comunque non vedo l'ora che lei approfondisca la sua ricerca…ed il testo è – ovviamente – molto intrigante.Captain NEMO

    Mi piace

  3. … la Festa dell'Asino, dunque… certo porterò nuove cose, ma intanto, un flash, guardando la partitura: invertendo le note della prima semifrase, si ottiene il tema di Orientis Partibus, ovvero il carme di Aliboron…A prestoNoldor

    Mi piace

  4. Carissimo Diniax,

    ci metto tempo, ma rispondo…
    Ecco un modesto tentativo di traduzione, il più possibile letterale a scapito di ogni estetica per poter conservare il più possibile il senso ermetico tanto palese nel suono del Latino.

    La figlia ha partorito il padre
    da cui tutte le cose (sono)
    Questo parto (è) dalla grazia
    Per tramite della grazia
    è tramandato e restituito
    alla patria

    Il verbo anzichè il seme
    forma il parto della Vergine
    là non è alcun crimine
    Per tramite della grazia
    è tramandato e restituito
    alla patria

    il Nobile è nell’umile
    Il Solido nel fragile
    Il Vasaio è nell’argilla
    Per tramite della grazia
    è tramandato e restituito
    alla patria

    Viene a noi umile
    il mirabile portatore di luce
    per noi sensibile
    Per tramite della grazia
    è tramandato e restituito
    alla patria

    Quindi la nostra assemblea
    piena di ogni gioia
    benedica il Signore
    Per tramite della grazia
    è tramandato e restituito
    alla patria

    Qualche osservazione: la strana chiusa di ogni versetto rende l’idea dell’incessante movimento, di ‘va e vieni’ dello Spirito, e viene ossessivamente ripetuto, ricordato… Doveva essere davvero un iniziato, Pietro dal cuore bello…

    Quel verso ‘sintetico’ ‘Verbum instar seminis’ me ne ricorda un’altro, nel testo dell’inno Ambrosiano ‘Veni Redemptor Gentium’ citato da Canseliet nella premessa alle Dimore. Esso recita: ‘Non humano semine sed mystico spiramine’, ed è pieno di significato… ma questa è materia per un prossimo post…

    Noldor

    alias

    Mi piace

  5. Pingback: Tradizione e Segreto | Chemyst's Blog

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...