About this blog

Perché un blog? Non per esibizionismo, a che pro poi celarsi dietro uno o più nickname? E’ invece un ‘message in a bottle’ di chi, serenamente, spensieratamente  o (forse) incoscientemente si è perso nel Mare Ermetico, o nell’intrico dei sentieri del Bosco. E’ una traccia da parte di chi sa che questa Cerca è solitaria, e tuttavia anela al conforto (confronto) con altri Compagni. E, nel ristretto ambito di liceità consentito dal necessario riserbo, questo può essere un luogo di deposito di segnali, utili a non cadere nelle trappole abbondantemente sparse lungo il sentiero. Ogni sosta è gradita, ancor più se con il dono di un commento, di un cenno, di un saluto. E buona Cerca a tutti…

Chemyst alias Chester alias Noldor

Annunci

13 pensieri su “About this blog

  1. Non sapevo dove lasciare di preciso i miei ringraziamenti, per cui lo farò qui.

    Per quel che riguarda il “fuoco segreto”, è vero che ne ho accennato ma lo scopo principale della pagina “Combustione” era centrato sulla natura della sofferenza e del dolore.

    Buona Cerca.

  2. Le strade di Dama Alchimia, a volte, passano per luoghi a dir poco inconsueti… ho trovato la pagina del suo blog con una ricerca sul termine ‘fuoco segreto’, e così… Ma l’averne accennato non mi è parso casuale.

    Buona cerca anche a lei.

    Chemyst

  3. Caro Chemyst, mi sono imbattuto nel “Harmonia mundi” di Francesco Giorgio Veneto e – dato che richiama la musica per la sua esposizione, argomento di cui siete espertissimo, desideravo chiederVi cosa ne pensavate.
    Grazie,
    vostro Ptah

      • viene citato dal Vasoli come costrutti ficiniano che vede nella harmonia del mondo una struttura di tipo musicale. E’ ottenibile liberamente da google o bibliotheca gallica.

  4. Caro Chemyst, mi sono imbattuto nel “Harmonia mundi” di Francesco Giorgio Veneto e – dato che richiama la musica per la sua esposizione, argomento di cui siete espertissimo, desideravo chiederVi cosa ne pensavate.
    Grazie,
    vostro Ptah

  5. Caro Chemyst, vorrei la Sua opinione sull’uso degli aggettivi “caritatevole” e “invidioso” attribuiti agli autori sulla natura dei loro scritti. Se da un lato è giusto non divulgare “alla massa” i segreti dell’opera, dall’ altro come ci si deve comportare con i degni cercatori che necessitano di un maestro? Si divide davvero solo in questo modo il lascito? Con grande stima, Porthos. “I am nothing, I see all”.

    • Caro Porthos, uno dei principi ai quali gli Autori ‘buoni’ improntano le loro opere è quello di dire sempre la verità. Le cosiddette ‘invidia’ e ‘carità’ sono soltanto nella nostra difficoltà a decrittare il loro codice. Mai però accadrà che esso condurrà ad una menzogna. Ma Lei chiede altro, un Maestro che i libri non possono darle. Ebbene, ci sono diverse persone in Italia che dedicano tempo e fatica all’Alchimia e nessuno di loro si fregerebbe mai di tale titolo: preferiscono quello di Etudiant. Quando conoscerà qualcuno di essi, magari a qualche conferenza che anche noi segnaleremo qui, non esiti a chiedere.

      • Senza dubbio, non esiterò! La ringrazio di aver compreso la mia umile richiesta. Con tanta stima,Porthos.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...